Archivi tag: enhanced ebooks

Limeriz – Limericks all’italiana

Ciao!

con questo nuovo post ti presento un altro interessante ePub che ho sviluppato sui disegni e sui testi del grande Riz (Rino Zanchetta): I Limeriz

L’idea iniziale ha preso ispirazione dal Limerick … che è (cito wikipedia) un breve componimento in poesia, tipico della lingua inglese, dalle ferree regole (nonostante le infinite eccezioni), di contenuto nonsense, umoristico o scapigliato, che ha generalmente il proposito di far ridere o quantomeno sorridere.

Riz ne ha inventato qualcuno e, come dice bene nella presentazione del libro, si è divertito ad immaginarli, a scriverne i testi e a disegnarli.

Nella fase successiva le tavole sono state ‘lavorate’ da me con l’aggiunta di un effetto parallasse che, in un simpatico gioco di fusione tra cartaceo e digitale, ha reso piacevolissima la lettura.

Muovendo il mouse sullo schermo del computer oppure inclinando il tablet le tavole si animano e prendono magicamente vita.

Il libro è scritto secondo standard ePub 3.0 (con codice html5 e animazioni CSS3 pilotate da Javascript).

È un ePub a layout fisso (*) ed è disponibile gratuitamente su iBooksStore per iPad e per iBooks su Mac (sistemi operativi Mavericks o Yosemite).

È in lavorazione la versione App (anche per sistemi Android).

Ti invito caldamente a scaricarlo e sopratutto e fare una recensione scritta con l’aggiunta di qualche stellina di gradimento.

Nella colonna di destra i links per il download.

Fammi sapere se ti è piaciuto.

Ciao!

A presto

JP

[(*) spero che i ‘polemici’ poco corretti di questi giorni non si attacchino anche qui: non sta scritto da nessuna parte che tutto può (e deve) essere fatto esclusivamente in reflowable! Orticelli da coltivare?]

 

 


La Fattoria Dolcemiele

Ciao!

Mi riaffaccio da queste parti dopo un periodo di assenza forzata, costretto da impegni imprevisti su fronti editoriali più ‘tradizionali’.

Rientro ‘col botto’ perché ho appena pubblicato un nuovo ePub interattivo e questa mi sembra l’occasione migliore per parlartene.

Il titolo è La Fattoria Dolcemiele, Sviluppato sulle tavole (e con il prezioso supporto) di Valeria Branca l’epub si compone di dieci pagine zeppe di interattivà, animazioni e commenti sonori.

Le pagine sono ambientate in una simpatica e coloratissima fattoria e il piccolo lettore dovrà accompagnare Greta e gli altri personaggi nelle loro faccende quotidiane.

Il sistema di help è pratico, funzionale e sempre a portata di ‘dito’.

Dal punto di vista tecnico il libro è assolutamente in linea con lo standard ePub 3.0. Le animazioni sono in puro CSS3 e l’interattività è pilotata da javascript. L’esperienza di lettura e di gioco è fluida e piacevole.

Allego la copertina animata che sta strappando moltissimo consenso, ma non lasciarti ingannare: le altre pagine sono molto meglio 🙂

Su iBooksStore a 3,99 euro 0,99 euro nell’occasione dell’imminente lancio della versione in inglese. Per iPad e Mac (con Yosemite)

Condivisioni e un po’ di promozione da parte tua saranno assolutamente graditi.

E per qualsiasi critica o commento puoi scrivere qui sotto come sempre; ti aspetto.

Ciao!


Fixed Layout 3 – Tocchi interattivi

ROBERT DOISNEAU - Les tabliers de la rue de Rivoli, Paris, 1978

ROBERT DOISNEAU – Les tabliers de la rue de Rivoli, Paris, 1978

[… continua]

Già, adesso il nostro attore è in movimento, ma noi vogliamo che si muova solo a comando, o meglio ‘a tocco’.

Questo vuol dire innanzitutto che nella condizione iniziale, nel cosiddetto momento ‘0’ il nostro oggetto deve trovarsi fermo.

Per questo scopo introduciamo una nuova istruzione con il compito di definire lo stato dell’animazione.

-webkit-animation-play-state: paused;

Può assumere i valori paused e running ad indicare banalmente se l’animazione è in pausa o attiva:

Ricompletiamo lo stile:

#i11b {
 z-index:1;
 top: 681px;
 left: 1082px;
 position: absolute;
 -webkit-animation: oscillacatena linear 3s infinite;
 -webkit-transform-origin: 50% 3%;
 -webkit-transform: rotate(0deg); 
 -webkit-animation-play-state: paused;
}

@-webkit-keyframes oscillacatena {
 25% { -webkit-transform: rotate(-3deg);}
 50% { -webkit-transform: rotate(0deg);}
 75% { -webkit-transform: rotate(3deg);}
}

Nell’istruzione appena vista, l’animazione pur contenendo tutta la potenzialità dinamica, è di fatto ferma e congelata all’istante ‘0’ in attesa di un nostro intervento.

Esatto; il nostro intervento.

O meglio l’interattività

Perché il nostro ‘dito’ possa interagire con l’attore, bisogna innanzitutto che l’attore stesso sia ‘disposto’ a recepire il nostro tocco e in secondo luogo che all’interno del codice ci sia qualche riga che dia il via alla trasformazione espressa nello stile.

Per il primo punto dobbiamo semplicemente rendere ‘sensibile’ all’input la nostra catena. Uno dei metodi per ottenere questo scopo è modificare la riga di dichiarazione

<img id="i11b” src=“../immagini/img11/i11catena.png"
alt=“la catena si scatena"/>

Trasformandola in sorgente di input:

<input type="image" id="i11b” src="../immagini/img11/i11catena.png"
onclick=“dondola();” alt="la catena si scatena"/>

Le due parti importanti sono sottolineate: quando l’immagine definita con id = “i11b” viene toccata verrà avviata la funzione “dondola()”

Cosa conterrà la funzione dondola()? Ovviamente l’istruzione per fare partire l’animazione “oscillacatena”

La scrivo e poi la spiego:

document.getElementById("i11b”).style.webkitAnimationPlayState = 'running';

Da destra a sinistra diventa abbastanza leggibile: rendiamo attivo lo stato dell’animazione definita nello stile dell’elemento i11b del documento

Praticamente viene espressa una modifica di stile  da paused a running allo stato dell’animazione legata all’oggetto avente id = “i11b”

La riga deve essere inserita all’interno della funzione dondola() secondo la sintassi canonica:

dondola() {
document.getElementById("i11b”).style.webkitAnimationPlayState = 'running';
}

Da questa pagina un esempio. Facendo click sulla catena inizia l’oscillazione.


Streghette Combinaguai – Il promo

Utilizzando ritagli, schizzi e note messi da parte durante la lavorazione della versione ePub di Streghette Combinaguai è nato, quasi senza volerlo,  un simpatico filmato promozionale che condivido con voi.

Il filmato in questi giorni sta facendo da ‘spalla’ ai  lavori che  Elisa ed io abbiamo iscritto al contest Bit Bum Bam.

Fateci un giro e  se siete iscritti a FB, magari ‘schiacciate’ anche un ‘mi piace’ di sostegno. I voti non sono discriminanti per l’esito finale, ma aiutano eccome. Anche perché è possibile votare una volta al giorno,


iBookstore aggiornamento importante

a stack of books_by antony ruggiero (dreegez)

A stack of books_by antony ruggiero (dreegez)

Con il recentissimo aggiornamento dell’iBooks Asset Guide alla revisione 2 della versione 5.1, Apple ha fatto chiarezza su alcuni punti che potevano essere fraintesi in fase di caricamento delle componenti dell’epub con iTunes Producer e ha introdotto di fatto qualche interessanti novità.

Vediamole punto per punto:

Interattività Javascript.

Come avevo accennato in questo post di lancio, a partire dalla versione 10.9 (Mavericks) del Sistema Operativo OS X, Apple introdurrà l’app iBooks anche su computer. Per chi ‘crea’ epub l’utilizzo di gestori di eventi ‘touch’ non sarà più sufficiente per poter rendere fruibili i propri libri sia in versione ‘mobile’ che in versione ‘desktop’; si dovranno prevedere anche gli eventi legati al mouse. A seconda del ‘device’ su cui il libro si apre verranno ‘ascoltati’ solo gli eventi interessati. In un prossimo post entrerò nel dettaglio tecnico.

Sempre rispetto al’’interattività, ricordo un’attenzione particolare al ‘peso’ degli script. Troppa interattività riduce drasticamente le performances e la fruizione ne risulta danneggiata. Vale sempre il consiglio principe di utilizzare il più possibile animazioni CSS3 e usare il codice Javascript solo per attivarle o temporizzarle.

Aggiornamento della versione di un eBook: un’attenzione particolare.

Apple raccomanda un’attenzione particolare quando si genera e pubblica un aggiornamento di un libro: è importante mantenere gli stessi ‘legami’ tra id  e le relative pagine xhtml utilizzate nella prima versione pubblicata, anche se si aggiungono capitoli o se ne modifica l’ordine sequenziale.

Faccio un esempio perché sembra una cosa ovvia, ma ha creato a molte persone (anche editori importanti) non pochi problemi:

Nelle riga seguente si vede la dichiarazione di una pagina nel file .opf.

<item id=”p02″ href=”pages/p0203.xhtml” media-type=”application/xhtml+xml” />

….

L’id “p02” fa riferimento alle pagine denominate “p0203.xhtml”

Supponiamo che un utente legga proprio  quelle pagine e vi faccia qualche annotazione personale.

Se in una versione successiva, magari un ampliamento del libro con l’aggiunta di capitoli, viene ‘rotto’ questo collegamento tra l’id “p02” e la pagina “p0203.xhtml” il lettore, dopo aver scaricato l’aggiornamento si troverà le proprie annotazioni in un altro capitolo del libro.

Titoli in lingua Giapponese o Cinese per i flowing books (a chiarimento)

Lo scroll del testo in queste due lingue avviene orizzontalmente al contrario di tutte le altre lingue.

Adesso è possibile gestire questa cosa direttamente nel file .opf utilizzando la proprietà “ibooks:scroll-axis” i cui possibili valori sono ‘vertical’, ‘horizontal’ e ‘default’

Utilizzo di fonts in lingua Giapponese (a chiarimento)

Hiragino Kaku ProN

I seguenti 5 fonts sono disponibili al sistema e quindi utilizzabili

  • Hiragino Kaku ProN
  • Hiragino Mincho ProN
  • Hiragino Maru Gothic ProN
  • YuGothic
  • YuMincho

ma mentre i primi due sono pre-caricati (e quindi consigliati), gli altri tre devono ogni volta essere scaricati dal lettore prima di essere disponibili

Copertina per lo Store (a chiarimento)

Schermata 2013-09-09 alle 00.33.29

È la copertina che viene caricata durante l’upload dell’asset del libro e non quella contenuta all’interno del libro (per assurdo potrebbe addirittura avere un’altro contenuto).

È il primo strumento di marketing che abbiamo e quindi molto importante.

Le caratteristiche richieste sono:

Modo colore: RGB;

Dimensione lato corto: almeno 1400 pixel;

Per ottenere migliori risultati viene suggerita una risoluzione minima di 300 dpi.

Screenshots per lo Store (a chiarimento)

Sono le immagini che vengono caricate durante l’upload dell’asset del libro e non quelle realmente contenute all’interno del libro. Anche queste sono molto importanti per la promozione del nostro libro. Il chiarimento ‘ufficiale’ serve a spiegare meglio la possibilità che nei nostri screenshots sia presente o meno la ‘status bar’.

Queste le dimensioni ufficiali:

1024 x 768: (iPad1 e iPad2 con orientamento orizzontale)

1024 x 748: (iPad1 e iPad2 con orientamento orizzontale ed eliminazione della barra di stato )

768 x 1024: (iPad1 e iPad2 con orientamento verticale)

768 x 1004: (iPad1 e iPad2 con orientamento verticale ed eliminazione della barra di stato )

2048 x 1536: (iPad3 con orientamento orizzontale)

2048 x 1496: (iPad3 con orientamento orizzontale ed eliminazione della barra di stato )

1536 x 2048: (iPad3 con orientamento verticale)

1536 x 2008: (iPad3 con orientamento verticale ed eliminazione della barra di stato )

Immagini contenute nel libro (a chiarimento)

Per tutte le immagini interne al libro (copertina compresa) è adesso accettato per le dimensioni il limite superiore di 3.2 milioni di pixel. L’incremento rispetto al precedente limite (2,0 milioni di pixel) è notevole.

Ricordo che per verificare il limite basta moltiplicare le dimensioni in pixel della base per quelle dell’altezza.


Quando le principesse vanno in cerca dei draghi…

Cover Landscape

Ho recentemente pubblicato su iBookstore la versione ePub del libretto La Principessa Azzurra e il Drago Golosone di Elisa Favi.

Lo scopo, d’accordo con l’autrice, era quello di inserire contenuti avanzati e interattivi alla base già esistente su carta e racchiudere il tutto in un ePub pienamente compatibile con lo standard 3.0 per dimostrare come CSS3 e HTML5 possano generare epubs avanzati senza essere costretti a inventarsi programmatori e scomodare le apps. Non volevamo saturare il libro con troppo animazioni ed effetti interattivi; il libro esisteva già e non volevamo snaturarlo troppo.
Ci bastava sostanzialmente condurre un esperimento per comprendere assieme, attraverso pochi ma efficaci esempi, cosa e come si potesse fare e fino a dove ci si potesse spingere.
Dopo avere verificato con Elisa file e formati, si trattava di individuare le parti sensibili e introdurre le varie componenti. Elisa si è occupata della parte grafica e io della sua implementazione nell’ePub.
Come prime componenti animate sono state introdotte alcune banalissime gif. Nessuno si scandalizzi, la cosa è voluta proprio per mostrare la banalità, come si vede nelle pagine successive, di fare la stessa cosa sfruttando le potenzialità di CSS3.

Una banalissima gif (140 Kb) o meglio un elegante CSS3 (8Kb)?

Una banalissima gif (140 Kb) o meglio un elegante CSS3 (8Kb)?

A seguire in un crescendo sempre più intenso sono state inserite componenti di animazione HTML5 con CSS3, Javascript fino a toccare a fondo l’argomento ‘canvas’.

Canvas e animazione su path

Canvas e animazione su path

Ancora canvas con javascript

Ancora canvas con javascript

Chiaro quindi come ce ne sia per tutti i gusti e come siano ampie le possibilità offerte per chiunque desideri imparare tecniche e modi di utilizzo all’interno di un ePub.
A breve pubblicherò alcuni articoli tematici su principali argomenti affrontati nello sviluppo di questo libro.

Restate in zona!

La Principessa Azzurra e il Drago Golosone è disponibile gratuitamente su iBookstore. A breve anche in versione Inglese.

 


Read Aloud ePubs: la funzionalità di lettura ad alta voce

Una delle opportunità più interessanti offerte da Apple a chi crea ePubs da leggere tramite i sui devices è la possibilità della lettura del libro ad alta voce.
Questa funzione, utilizzabile solo negli ePubs a layout fisso (rimando al post relativo per rinfrescare l’argomento), nulla ha a che vedere con la sintetizzazione della voce. Utilizza invece un opportuno file xml che associa una parte del testo ad una traccia audio registrata precedentemente.
Scopo di queste pagine è spiegare come ‘isolare’ ogni parola scritta individuandola all’interno del testo della pagina; spiegare come ‘isolare’ il suo corrispondente brano audio individuandolo all’interno della traccia audio completa e infine come effettuarne il match per darne al lettore rappresentazione ‘visiva e sonora’.

Scegliamo una pagina qualsiasi e digitiamo il testo.

Dobbiamo isolare tutte le parole che compongono il brano perché ad ogni parola dovremo attaccare una opportuna parte di codice html.
Suggerisco di immaginare il testo distribuito una parola per riga. Se noi riusciamo a numerare in progressione tutte le righe, dato che ad ogni riga corrisponde una sola parola, potremo utilizzare il numero di riga come elemento identificativo (id) di quella parola.
Vedremo nella seconda parte come agganciare questo id univoco al suo brano audio di riferimento.
Un editor di testo e qualche conoscenza di GREP (spunti e link a partire da questo indirizzo) risultano di grande aiuto per affrontare e velocizzare questa fase abbastanza noiosa.
Come editor di testo utilizzo e consiglio caldamente, Text Wrangler (gratuito) oppure suo fratello maggiore (a pagamento) BBEdit raggiungibili entrambi dal sito del produttore BareBones
Prendo come esempio la bellissima pagina Alchemy del libro Illustrazioni di SteG che già conosciamo:

20111031 - 20111024-alchemy-cut

Concentriamoci sul corpo principale del testo (sorvolando su quell’antiestetico ‘si’ che mi è rimasto li implacabile, alla fine della prima linea 🙂 ):

Vogliamo una parola sola per ogni riga, quindi dobbiamo inserire un ritorno a capo al posto di ogni spazio. Il problema è che esistono già dei ritorni a capo. Dobbiamo mantenerli riconoscibili perché in seguito ci serviranno.

Partiamo quindi da questi ultimi e li modifichiamo in modo da mantenerli riconoscibili:

Cerchiamo \r (fine linea) e sostituiamo con STOP \r

Utilizzo di GREP 01

a questo punto possiamo procedere con gli spazi. Cerchiamo ‘spazio’ e sostituiamolo con ritorno a capo. Questo il risultato:

Read Aloud Support 02

Finalmente possiamo dare un ID ad ogni parola sfruttando la numerazione delle righe (Text -> Add/Remove Line Numbers). I parametri corretti sono chiaramente indicati in figura:

Passiamo al codice xml. Quello che ci serve è:

  • la creazione di un elemento span riga per riga che contenga la nostra parola;
  • la parola dovrà essere identificata da un id univoco dato dal numero di linea preceduto da W;
  • nel caso si trovi la parola STOP questa dovrà essere lasciata fuori dall’elemento span.

In sintesi ogni parola si porterà dietro una espressione di questo tipo:

<span id=”W1”> la </span>

Vediamo come con l’uso opportuno di GREP possiamo semplificare questi passaggi:

Ogni linea del testo che compone la nostra pagina è formata da 3 elementi: (1) Numero, (2) parola e (3) ritorno a capo (eventualmente STOP e ritorno a capo). Questi tre elementi possono essere espressi con Grep in questo modo:

(\d+) Numero

(.+?) Parola

(STOP)*\r Ritorno a capo (eventualmente con la parola STOP se presente)

Il nostro pattern di ricerca sarà quindi questo:

(\d+) (.+?)(STOP)*\r

e andrà sostituito opportunamente in modo da restituire la stringa vista prima:

“<span id=” Inizio della riga dell’elemento span

“W\1”> considera il primo elemento del pattern di ricerca facendolo precedere dalla lettera W

\2 considera il secondo elemento restituito dal pattern di ricerca

</span> chiusura dell’elemento span

\3 aggiunge FUORI dall’elemento span e solo se presente la stringa STOP.

in sintesi:

<span id=”W\1”>\2</span> \3 (attenzione allo spazio prima del terzo elemento.

Applicando come pattern di ricerca e sostituzione le due stringhe appena viste, si ottiene una lunga stringa di testo di una sola linea:

Nota: cliccando dove indicato dalla freccia rossa, è possibile salvare il pattern di ricerca-sostituzione per elaborazioni future. Adesso in modo molto semplice ripristiniamo i ritorni a capo. Cerchiamo le stringhe “ STOP” (attenzione allo spazio prima della parola) e le sostituiamo con \r

Numeriamo nuovamente le righe utilizzando gli stessi parametri visti precedentemente e otteniamo:

Ultimo passaggio: convertiamo i numeri di riga in classi in modo da poter individuare le righe stesse e poterle formattare tramite il CSS:

Cerchiamo

(\d+) (.*)

e sostituiamo con:

 <p class=”line\1″>\2</p>

Abbiamo finalmente ottenuto quello che ci serviva: righe di codice in cui ogni parola è definita da un id univoco. Useremo questo id come aggancio per i brani audio. Copiamo e incolliamo il codice ottenuto all’interno del file xhtml e procediamo con la formattazione ‘grafica’ della pagina. L’argomento è già stato trattato, quindi non ci soffermiamo. Passiamo invece alla sonorizzazione del testo. L’idea pensata dagli sviluppatori su come utilizzare la traccia audio è semplice e geniale allo stesso tempo. Immaginiamo la traccia audio della pagina come una linea del tempo. Su questa linea sono registrate in sequenza tutte le parole che compongono il testo. Se troviamo il modo di etichettare ogni parola individuando il momento del suo inizio e e quello della fine, il brano audio sarà completamente mappato e a nostra disposizione. Ad ogni etichetta così determinata (parola pronunciata) sarà possibile agganciare gli ID (parola scritta) definiti precedentemente.

Semplice no? 🙂

Vediamo come procedere.

Un buon microfono e un buon editor audio sono cruciali in questa fase. Rispetto al software, Apple stessa suggerisce nelle sue linee guida, l’utilizzo di Audacity  gratuito, ottimo e semplicissimo open source.

Rispetto al microfono suggerisco una versione USB per la praticità nell’utilizzo. Io ho acquistato e utilizzato questo ottimo SnowBall.

Meglio effettuare alcune prove di registrazione per trovare la corretta posizione, per settare il microfono in funzione dell’ambiente, per impostare il corretto volume di registrazione etc. Quando siamo pronti, iniziamo la lettura salvando la traccia con un nuovo nome ogni volta che cambiamo pagina (stiamo parlando di Fixed Layout quindi ogni pagina deve essere considerata a se stante).

Quello che dobbiamo fare è individuare e isolare sulla traccia ogni singola parola in modo da poterla poi ‘agganciare’ agli id determinati precedentemente per le stringhe di testo. L’operazione richiede un pelo di pazienza, ma gli strumenti di selezione e ascolto rendono semplice la cosa. Una volta individuata la porzione di traccia corrispondente ad una parola, questa può essere etichettata (in Audacity: Command + B). Meglio lasciare vuoti i nomi delle etichette. Verranno definiti in modo automatico utilizzando ancora una volta lo strumento GREP. Saranno comunque proprio queste etichette, codificate in modo opportuno, a indicare quale porzione di traccia audio debba essere estratta dalla traccia totale, durante la lettura. La traccia audio completa deve essere essere esportata in formato m4a, mentre le etichette saranno esportate in un file di testo. E’ buona abitudine attribuire nomi di facile comprensione. Il brano di quella determinata pagina, meglio abbia un nome molto simile, se non uguale, a quello della pagina html cui fa riferimento.

La cosa più importante è invece l’esportazione delle etichette. (In Audacity File-> Export labels)

Questi sono i dati che vengono esportati e come già detto rappresentano, parola per parola, i tempi (in secondi) di inizio e fine:

Analogamente a quanto visto prima per le parole (scritte) modifichiamo ciascuna riga codificandola in modo opportuno per creare il corretto formato richiesto (SMIL). Numeriamo ogni riga (anche qui ad una riga corrisponde una e una sola parola) e procedendo di GREP otteniamo una rappresentazione riga per riga di questo tipo:

<par id=”par1″>

<text src=”page003.xhtml#W1″/>

<audio src=”audio/page003.m4a” clipBegin=”3.851610s” clipEnd=”4.509025s” />

</par>

Analizziamo quello che si vede nell’elemento par:

la seconda linea cerca il testo W1 all’interno della pagina page003.xhtml. La terza linea identifica il brano completo page00.m4a che si trova nella cartella ‘audio’ e ne estrae il brano compreso tra i secondi espressi dalla prima linea del file etichette (3.851610 e 4.509025) che come sappiamo rappresenta proprio l’espressione ‘sonora’ della parola W1.

Il file smil ottenuto conterrà tanti elementi ‘par’ quante sono le parole (o gruppi di parole) che compongono (o che abbiamo deciso che compongano) quella pagina.

Aggiungiamo l’header e il footer :

Scegliamo ancora una volta un nome strettamente legato alla pagina cui il file si riferisce (nel nostro caso page003) aggiungiamo estensione .smil e salviamo come solo testo. Ogni pagina avrà i suoi file smil, xhtml e audio e tutti ovviamente andranno dichiarati nel file content.opf. In più dovremo definire anche un’ associazione e sovrapposizione in simultanea tra file xhtml  e smil (media overlay)

<item id=”pg003″ href=”page003.xhtml” media-type=”application/xhtml+xml” media-overlay=”pg003smil” />

Se vogliamo che all’ascolto del testo sia accompagnata anche l’evidenziazione della parola letta, Apple mette a disposizione una classe da inserire nel CSS che si applica automaticamente ad ogni parola letta e su cui l’autore non può intervenire se non per deciderne il colore:

.-epub-media-overlay-active {

color: red;

}

Una volta caricato l’epub la funzionalità deve essere attivata. Nel menu di iBooks appare la nuova icona ‘altoparlante’.

Al click ci viene chiesto se procedere con l’ascolto dell’audio (è possibile anche regolare il volume) e se si vuole l’avanzamento pagina automatico o manuale.

Questo il risultato finale. Nonostante la scadente qualità del filmato sono chiaramente intuibili le potenzialità di questa funzione:

http://vimeo.com/31515563

_

Ecco, questo in buona sintesi è quello che dobbiamo sapere per iniziare ad introdurre nei Fixed Layout ePubs le funzionalità di lettura ad alta voce. Se ne potrebbe parlare ancora e molto più in profondità. Giusto per fare qualche esempio, sappiate che è possibile inserire in modo abbastanza semplice pulsanti per lo stop o l’avvio dell’ascolto (purtroppo non è ancora possibile mettere in pausa); è possibile aggiungere una colonna sonora che faccia da background alla lettura di tutto il libro, o una colonna sonora diversa pagina per pagina (per meglio enfatizzare l’atmosfera che quel brano deve suscitare). Vedremo in futuro anche queste nuove funzionalità.


Ulteriore mossa di avvicinamento di Amazon al formato ePub?

Amazon ha reso noti alcuni dettagli tecnici sul nuovo formato Kindle 8 presto implementato. L’annuncio riguarda 150 nuove funzionalità legate alla formattazione della pagina: Fixed Layout, utilizzo di SVG, barre laterali e al potenziamento nell’utilizzo di HTML5 soprattutto per la parte audio e video (nulla viene invece detto riguardo l’eventuale implementazione di Javascript). Si tratterebbe comunque di nuove possibilità offerte per rendere migliore la pagina da un punto di vista estetico. Analogamente a quanto fatto da Apple con i suoi Fixed Layout ePubs (link all’articolo e esempio) e implementato nella recentissima versione attuale di ePub3.

Il passo compiuto da Amazon è notevole e interessante per la nuova possibilità che offre di utilizzare i suoi reader anche per leggere tutti quei libri in cui la grafica o l’immagine hanno il sopravvento sulla parte testuale (libri di racconti per l’infanzia, libri di cucina, cataloghi di viaggi, book fotografici etc…).

Resta il fatto che più che un avvicinamento al formato ePub, Amazon cerca ancora una volta di con-correre in parallelo. Il formato resterà proprietario e fuori da qualsiasi validazione o compatibilità con il formato ePub. D’altra parte è stata proprio questa fin dall’inizio la forza di Amazon che, ricordiamolo, con i suoi Kindle detiene una fetta di mercato primaria tra i readers e nella vendita-distribuzione di libri digitali.

Resta ancora da capire come verrà definita la struttura dei file. Amazon ha sempre utilizzato l’HTML4 in modo un po’ ‘cialtrone’ senza grandi conformità alle specifiche. La cosa è comprensibile; l’eBook Kindle è un singolo file: inizia con i metadata, prosegue con la parte centrale di testo (il contenuto vero e proprio del libro – quello che leggiamo compresi indici, note etc) per chiudersi con le immagini agganciate alla fine. E’ chiaro quindi che una struttura così striminzita non permette grandi slanci nell’utilizzo di HTML ‘certificato’ ma costringe piuttosto a ‘potature’ estreme.

Con l’utilizzo di HTML5 Amazon dovrà per forza cambiare qualcosa nella struttura del file. Il confronto con la struttura del file ePub è inevitabile e il nuovo formato Kindle probabilmente dovrà essere un multi-file inglobato in un guscio-contenitore esattamente come i file ePub.

Giusto una nota per i possessori di Kindle: probabilmente con questo aggiornamento i Kindle2 saranno tagliati fuori. Saranno sicuramente aggiornati i firmware di Kindle3 (Kindle Keyboard) recentemente già ‘promossi’ nell’aggancio al sistema cloud di Amazon.


EpubCheck si prepara all’arrivo di EPUB3

EpubCheck, il più importante strumento per la verifica e validazione dei file ePub secondo gli standard dettati da IDPF si sta preparando all’arrivo del tanto atteso formato EPUB3.
All’attuale e conosciuta versione ufficiale è stata infatti affiancata la beta 3.0.b1 (ancora in fase di sviluppo) in grado e validare i file ePub3.
Spicca innanzitutto la capacità di analizzare nuovi contenuti come file SVG, elementi multimediali, media overlay (per esempio per la lettura a voce alta) che daranno la possibilità di creare ePub altamente interattivi, ma altre novità estremamente interessanti sono la capacità di analizzare file ePub non compressi (e di salvarne il file compresso dopo la verifica) e anche la possibilità di effettuare verifiche e validazioni dei singoli file componenti (per ora solo gli OPF, gli XHTML, gli SVG e i Media Overlay)

Riporto sintassi e parametri (reperibili comunque alla pagina wiki ufficiale)

La nuova versione richiede java (da 1.5 in su) e può essere utilizzato in modo standard come di consueto:

java -jar epubcheck-3.0b1.jar file.epub

oppure in modo avanzato:

java -jar epubcheck-3.0b1.jar file -mode MODE -v VERSION

dove MODE può essere:

  • opf per la validazione del singolo file opf;
  • nav per la validazione dei documenti di navigazione (solo ePub 3.0);
  • mo per la validazione dei documenti media overlay (solo ePub 3.0) ;
  • xhtml; per la validazione dei file xhtml
  • svg; per la validazione dei file svg
  • exp per validare ePub non compressi. (aggiungendo a exp l’ulteriore stringa –save si può salvare l’ePub finale in formato compresso).

VERSION può essere 2.0 o 3.0

MODE e VERSION vengono ignorati quando si analizza un ePub completo

-help visualizza alcune stringhe di aiuto

java -jar epubcheck-3.0b1.jar -help


Le (ottime) ragioni per cui Walrus a tutt’oggi preferisce iBooks

Innanzitutto la ragione è squisitamente tecnica…  A voi.

Link diretto all’argomento


Libri di testo digitali. L’interessante esperienza Inkling.

Si resta affascinati a guardare i video di esempio pubblicati da Inkling su Vimeo. Pensiamo alle infinite e interessantissime possibilità che si schiudono. Cosa ne pensate? È questa la vera rivoluzione dell’editoria elettronica? Ci sarà posto nella scuola per questi strumenti?

Fonte: Inkling.com


Consigli e suggerimenti sugli ‘enhanced eBooks’

Walrus

Gli ‘eBooks enhanced’: una nuova generazione di libri elettronici è ormai alle porte. Una reale esperienza di ‘immersione’ nelle pagine del libro.

Da Walrus una interessantissima serie di consigli e suggerimenti

Link all’articolo.